Il rispetto dello statuto più volte offeso

21Set
  • Lo Statuto attuale deve essere rivisto e modificato sulla base delle indicazioni fornite dall’Organizzazione territoriale
  • I Comitati regionali devono acquisire autonomia e personalità giuridica per poter accedere anche ai fondi europei
  • Le società sono centrali al modello organizzativo e non “ oggetti residuali”

 

Vogliamo un programma costruito dal basso e non imposto dall’alto: dai il tuo contributo, partecipa alla discussione scrivendo i tuoi consigli nei commenti qui sotto.

2 commenti:

  1. marcello casasanta 09/24/2016 at 06:02 - Reply

    Buon giorno , premesso che la dialettica e il confronto e’ la base della VITA in tutte le sue espressioni , un sistema fondato sulla FORZA , elimina e mette all’angolo centinaia di possibili nuove idee e strade innovative .

    NON PUO IN ITALIA E sopratutto nei comitati regionali far si che siano sempre le solite 5-6 societa da 30 anni a fare e disfare di tutto , perche hanno i 2/3 dei voti .
    Ok dare piu spazio a chi ha piu risultati ma cosi le votazioni sembrano le partite di calcio in cui si gioca 100 contro 11 .

  2. mauro bolis 09/26/2016 at 22:20 - Reply

    Ok – l’Unione Europea ha sempre stanziato – in ogni ambito – molte risorse che l’Italia ha sempre sfruttato in minima parte, facendo sì che spesso tali fondi venissero richiamati indietro dall’Unione stessa per mancato utilizzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *